Ritratti di Matrimonio

Come fotografo, credo che la cosa più importante sia la relazione umana, perchè la fotografia è scoperta. La scoperta di se stessi, attraverso quello che ci circonda. La fotografia deve avere qualcosa da dire. Per questa ragione come fotografo e come fotografo matrimonio Milano, sono alla ricerca della semplicità. Perchè la semplicità, ha bisogno del significato, del messaggio, solo così, chi la guarderà avrà interesse a farlo e si ricorderà di averlo fatto.

The Wedding Faces, è un’idea che ho condiviso e realizzato con il collega Angelo Chiello. Come fotografo matrimonio Milano, ho immaginato di creare un racconto parallelo a quello più tradizionale, attraverso dei ritratti. Nulla a che vedere con il photo booth. L’idea era quella di raccontare tutti i partecipanti, nella loro essenza, per quello che sono. In mode semplice, naturale e spontaneo.

Abbiamo montato il fondale, il flash, l’ombrello, un pannello ed in poco spazio ( veramente poco), abbiamo allestito una piccola sala posa. L’idea ha subito riscosso i favori degli ospiti del matrimonio di Giammarco ed Elena, non solo hanno accettato di farsi ritrarre, ma anche di aspettare. Io ed Angelo, li ringraziamo di cuore.

Devo ammettere di essermi divertito molto e di aver avuto una bella esperienza e sono felice, come fotografo matrimonio Milano, di aver fatto vivere una bella esperienza a tutte le persone ritratte. Sono rimasto sorpreso, che in pochissimo tempo, si siano sentiti a loro agio sul fondale, mettendosi a nudo, naturali e rilassati. Anche divertiti…..

La mia interazione è sempre stata minima, mi sono limitato ad innescare dei meccanismi, nulla più, spiegando cosa avrei fatto e come. Ancor prima che fotografo matrimonio Milano, io sono un fotografo. Il fotografo non è un mestiere, è un modo di essere, un modo di entrare in contatto con il mondo e con le persone. La cosa che ricercavo in questo progetto era la connessione.

Quando ritrai una persona, stai fotografando un essere umano e devi interessarti a lui, affinché ti dia quella parte di se, più intima, più nascosta. Quella parte, che poi in qualche modo, io porterò dentro. Questa è una delle meraviglie della fotografia, di tutta la fotografia, anche della fotografia di matrimonio.

Spero che questo progetto vi sia piaciuto e se voleste sapere di più o semplicemente farmi qualche domanda visitate il mio sito, contattatemi pure.